Racconto dialettale sulle olive

Un estratto del racconto dialettale inedito ‘N ÒPRA PI PADRONI: nato da un’intervista fatta alla zia Maria Cursi (classe 1924) da William Sersanti, esso racconta degli aneddoti curiosi legati alla raccolta delle olive a Sant’Oreste negli anni 1945-1950.

«E vedi tutte quelle case dilagghjó a Nocetu? Prima mica c’èrono: liotre atèrono tutti campi pieni i piante dell’ulive. Vicinu do’ stai a ‘bbità tune, c’èra un casone rósciu, e lì ce si mettévono l’attrezzi da lavoru: e verie, e scale, e sacchjere, i cascatori. Noi ‘gghjamo ‘n òpra pe’ sòra Costanza: quellu ch’areccogghevi, facevi a mèzzu co’ essa. Anzi, mo che ci pènzo bè, mi pare che faciamo alla quarta: ¾ i ògghju a padrona, e ¼ lì a bettina nòstra. I conti atèrono sèmpre sépiri: ti toccava a pigghjatti ‘llu labbezzu e zittu! E po’ prima mica c’iamo i rastrèlli èh! Ti ‘ppiccarezzavi suppe quelli rami e raschjavi ch’e mano: a matòru cumo ‘raffiavono quelle fronne, e deta e portiamo tutte ‘ffettate! Quanno stiamo lappu terrenu i Piròtti, lì a zòna i Piamparadisu, u freddu ci si pippava: quelle scarpacce ce si ‘ncrudulivono, e lappe mano ci vinìvono tutte sétele! P’areparalle popò, ce ‘nfasciamo, ma atèra uguale: all’ùtimu sèmpre co’ esse evi da pelà! E po’ ch’e fasce nun raspavi bè: l’ulive ne cadévono pòche e spessu e mannavi lì u pattume. Pe’ vence’ a fatica du lavoru, ci faciamo cèrte cantate che ‘mmancu t’u ‘mmàggini: atèra u mègghjo mòdu pe’ stà arzilli e arengalluzziti. E canzone e cantiamo i tutt’e razze, menu che quelle dell’acchjèsa. “Moretto” atèra quella che ci piaceva di più: c’èra u bassu, l’artu, u còru; eriamo organizzate cumo Cristo commanna! Ci steva bòn’ànima i Paolettu che, ogni vòta che ci sentiva, ci diceva “Quanno che vi sènto i cantà, mi pare d’areddiventà gióvine!”. Quanno che cantiamo ghjó a vigna i nònnita, da lappi fò lì alla tonna ci battévono e mano: strilliamo cusì fòrte che ci sentìvono dapertuttu! U cantà, emo cantatu sèmpre tutti ‘nzème, òmmini e fémmine: si steva tantu bè. E po’ quanno cantavi, t’evi da capà ‘na pianta còmmita, cumè se stevi a menà ca veria, ti viniva a pàsima pa gran fatica e te si celava u fiatu. ‘Na vòta zita c’eva areggistratu c’un aradiettu ‘ntantu che cantiamo: è statu pròpiu curiosu quanno ci simo arentese; sarrìa bèllu avecci ancora quellu nastru. Lappi fò ci passavi e giornate sane e pe’ magnà ti portavi do’ fette i pane co’ quache còsa; se t’arevanzava popò i tèmpu, ‘ccennevi u fòcu, spatriavi a ‘ràcia, e ‘m mèzzu ci buttavi l’ulive da bruscà. Dòppu ne pigghjavi un rumiéllu, li levavi a pèlla e ne ‘ntegnevi una pe’ una lì u sale: atèrono pròpiu bòne! Ogni tantu capitava che pe’ quant’evi fame t’e magnavi co’ tutta cénnere: che ti premeva, tantu si sentiva più u sale che a cénnere! Ci faciamo cèrte padellucce lappe quelli focarizzi! Quanno lavoravi, a sgricia ti viniva, e po’ prima mica c’èrono e ròbbe tantu speciali èh! Quann’eriamo più giuinottielle ‘gghjamo pure “alla busca”. U sai che vordì? Mo t’u spiego: quanno lì a um pòstu c’évono già battutu, ce si ghjva p’aredduce’ i remasugghj. Allora ci faciamo ‘na spècie i gancettu c’um piézz’i lenu – u “ruspu” – po’ co’ ‘na mano ruspavi e scaugghjavi, e co’ quell’atra areccogghjevi quelle poche ulive che trovavi vali-vali. Da quanno ‘nvece emo cuminciatu a lavorà pe’ sòra Costanza, nun ci simo ite più “alla busca”: e piante e battiamo direttamente noi. Ci faciamo da Nocetu a monte Fellònica…».

Condividi: